È muorto Carnavale!

Si sa che il periodo di Carnevale comincia il giorno 17 gennaio, festa di Sant’Antuono,(come ricordato nell’articolo del mese scorso) con i falò e le danze e termina il martedì precedente il giorno delle Sacre Ceneri, inizio del periodo quaresimale di quaranta giorni, una volta dedicato al digiuno ed alla penitenza, in ricordo del digiuno di quaranta giorni che Gesù Cristo passò nel deserto prima della sua Passione e Resurrezione. In proposito va ricordato che la Pasqua è la prima e più importante festa mobile del nostro calendario: il Concilio di Nicea del 325 stabilì di far coincidere la Pasqua con la domenica successiva alla prima luna piena dopo l’equinozio di primavera. Pertanto quest’anno la Pasqua sarà celebrata molto presto, il 27 marzo. Fatta questa doverosa premessa, riportiamo di seguito alcuni lamenti relative al Carnevale. Il primo che segue è lo scherzoso lamento appresso al funerale del carnevale, che una volta veniva celebrato, facendo impersonare il carnevale da un uomo con la pancia imbottita di paglia, trainato su un carretto tirato da un asino, o disteso su una scala a pioli, tenuta orizzontale e portata da quattro persone mascherate : Carnavalu mio, s’io ‘o sapevo ca tu murive, io t’abbuttavo ‘e chioccole ‘e lupine! Gioia soja ! Ma esistono anche altre formule di lamentazione per le morte di Carnevale, come questa che segue, in cui si afferma in primis che Carnevale si chiama Vincenzo; del resto, anche ai giorni d’oggi esiste, come sfottò, l’abitudine di dare gli auguri, nell’ultimo giorno di Carnevale, a qualche persona, che porta il nome proprio di Vincenzo: Carnavale se chiammava Vicienzo, teneva ‘e ppalle d’oro e ‘o pesce ‘argiento ih! Gioia soja! E chi s’o chiagne s’o pozza chiagnere ‘a ccà a cient’anne; ih! Gioia soja ! Chillo mò mor’ ‘e collera, mò s’ ‘o portano ‘e prievete, è muorto! Ma filastrocche su Carnevale sono state scritte anche da scrittori famosi, come questa attribuita al grande Gabriele D’Annunzio: Carnevale vecchio e pazzo / s’è venduto il materasso / per comprare pane, vino, / tarallucci e cotechino. / E, mangiando a crepapelle / la montagna di frittelle, / gli è cresciuto un gran pancione / che somiglia ad un pallone. / Beve, beve, all’ improvviso / gli diventa rosso il viso, / poi gli scoppia anche la pancia / mentre ancora mangia, mangia. / Così muore Carnevale / e gli fanno il funerale. Va detto che fino all’inizio del Secolo XVIII le manifestazioni carnevalesche erano riservate alla corte ed alla nobiltà, che aveva modo di esibirsi e acquistare lustro e potere: a corte e nelle casi nobili si svolgevano teatri, feste di corte, veglioni con balli mascherati. Più tardi cominciarono ad interessare anche il popolino e si svolgevano per le strade e nelle taverne, con abbondanti mangiate e libagioni, oltre che con maschere e giochi vari. Tra le maschere che non mancavano mai, v’era la Vecchia di Carnevale, detta anche più compiutamente Pullecenella a cavallo a la vecchia de Carnevale. Era una maschera doppia, ma modellata su una sola persona, e rappresentava un Pulcinella, o la personificazione di Carnevale, a cavalcioni su una brutta donna anziana: il personaggio che interpretava l’assieme, aveva la testa di un Pulcinella, o di un Carnevale, e la sua figura arrivava sino ai piedi; sul davanti veniva innestata la testa e la parte superiore di una donna anziana, con abiti discinti, riempiti di paglia. Mentre il personaggio portato a cavalcioni aveva le braccia aperte e suonava in continuazione le nacchere, vi era un seguito di altre maschere, in genere di Pulcinelli, che suonavano strumenti caratteristici, quali la caccavella, il triccaballacche, il putipù e le castagnelle. Altra rappresentazione, che fino ad alcuni anni or sono, era ancora in voga, era quella dei mesi dell’anno; veniva recitata, o cantata, da quattordici personaggi, i dodici mesi oltre a Pulcinella e il Capitano; essi erano tutti mascherati e montavano cavalli. Pur mancando di un testo ufficiale scritto, ne esistono diverse trascrizioni base, alcune nelle parlate locali ed altre in italiano. Ritengo doveroso segnalare la rappresentazione carnevalesca dei dodici mesi dell’anno, che, fino a pochi anni or sono, veniva organizzata in Messercola di Cervino (CE), ed eseguita nella stessa località e nelle piazze dei paesi vicini. Promotore, e presidente del Comitato, il compianto sig. Pasquale Di Vico fu Michele. Per ragioni di spazio non è possibile riportare qui l’intero testo recitato dai vari personaggi; ci limitiamo a riportare soltanto l’introduzione che recitava Pulcinella all’inizio della rappresentazione. Io so’ Pullecenella ‘o ‘nzivuso, / so’ sicco e curiuso; / ‘nnante ‘o cappiello ce porto nu pertuso / e faccio tutto annascuso. / Pirciò a mme me chiammano spuorco e curiuso. / Vuje tutte ‘o ssapite, ‘o nonno mio era d’Acerra: / che guaje facette ca se spusaie a Cervino, / pirciò me chiammo Fonzo Stravino. / Io so’ Pullecenella, avite capite? / Quanno Pullecenella teneva ‘e denare, / teneva amice, pariente e cumpare; / mò ca Pullecenella nun tène niente, / ha perzo amice, cumpare e pariente. / D’ ‘a collera so’ stato ricoverato ‘o ‘Spitale Arienzo: / cu ‘na santa pacienzia m’hanno tirato e mmole e tutt’ ‘e riénte. / Cu tutt’ ‘e guaje ch’ aggiu passate, / sto sempe mmiezo a feste e scampagnate. / ‘O regalo che v’aggiu purtato / so’ tutti sti signure vestute e mascherate. / Guardate avante ca portammo ‘o Vulante. Nuje caurarare simmo / e ‘a Monterutunno scennimmo: / ‘e tielle vecchie ve facimmo ascì nove. / Signore belle, priparate ll’ove; / si ll’ove nun ‘e tenite, pigliate a furcinella, / avvicinateve a chella pertechella, / pigliate presutte, sasicce, ventresche e supressate, / sul’ accussì ce putimmo fa’ ‘na bella scampagnata. / E mmiezo a nuje partecipa pure Vicienzo Carnevale, / cu ove, purpette e migliazze int’ ‘o mazzo, / cu nu bello bicchiere ‘e vino sciruppato; / e si vuje dicite ca so’ papocchie, / nuje ce ne jammo a n’ ata Parrocchia. ‘A ‘mpruvvisata ‘e Pullecenella. Tengo ‘na mugliera scucciante e vanitosa, / tutte ‘e matine face ‘na canzona./ Comme arape ll’uocchie, scenne d’ ‘o lietto e s’avvicina: / “Uè, che t’aggi’ ‘a cucinà stammatina? / E tutte ‘e matine fa ‘sta canzona. / Datesi che a mmé me piace ‘o ‘ngiaravuoglio, / me faccio cucinà sempe ‘e vermicielle / cundite cu ll’aglio e ll’uoglio. / Chella sfacciatamente me risponne: No! / E io subbeto c’ ‘e dongo ‘ncoppo ‘o popò. / Chella cu allucche e strille chiama ’a ggente a ciente e a mille. / Io, p’ ‘o scuorno d’ ‘e vicine, / passo d’ ‘a stanza ‘e lietto dint’ ‘a cucina. / Ma pe’ quanno se fa miez’ juorno, / pe’ nun crià ll’ati ‘mbruoglie, / cucina sempe ‘e vermicielle cundite cu ll’aglio e cu ll’uoglio. / ‘O vino? Sì, ‘o vino; / ‘o russo,’o janco, ‘o rusatiello, / ‘o vino è sempe bello! / Te trase dint’ ‘e vvène / e te fa scurdà d’ ‘e ppéne. / ‘O vino, ‘o vino assaje è comme a chillu nennillo, / ca nnucentemente, senza ce pensà, / te dice tutt’ ‘a verità. / ‘O vulante ‘o purtammo pe’ lusso e pe’ benedizione.

Mario Vigliotti

 

Lascia il tuo commento

Comments are closed.